Interviste | Quotidiano | Categorie: Hockey, Hockey pista

Hockey pista A1, Trissino in cerca di riscatto a Breganze"

Di Comunicati stampa Domenica 21 Gennaio alle 22:59 | commenti

ArticleImage

La sfida con il Forte dei Marmi è già in archivio. Davvero troppo grande in questo momento il divario con i toscani, e dunque il ko rimediato sabato sera 20 gennaio è alle spalle senza troppi drammi. Ma adesso serve provare a tornare a far punti già da questa settimana. Nella prima di due trasferte consecutive, l'Hockey Trissino sarà di scena sul campo del Breganze in un derby tutto da vivere. Del momento della squadra, e pure del futuro, abbiamo parlato col dirigente Leonardo Galiotto. Il dirigente bluceleste analizza il ko rimediato contro la capolista Forte dei Marmi, e carica già il pubblico per il derby di sabato prossimo alle 20.45. 

 

E sul futuro: "Ci stiamo già muovendo, alzeremo l'asticella"

Leonardo Galiotto, sabato sera l'Hockey Trissino ha giocato in casa contro la capolista Forte dei Marmi, ed ha perso per 5-1. Che partita è stata? Che valutazioni possiamo trarre dalla prestazione della squadra?

"E' stata una partita figlia di un recente sorpasso in classifica del Forte dei Marmi ai danni del Lodi, che ha sua volta è stato stoppato sul pareggio proprio a Trissino. Inoltre la capolista aveva un macigno da rimuovere, lo 0-5 subito dal Trissino in casa. Le differenze tra le due squadre oggi sono molto più marcate rispetto ad ottobre e siamo noi ad essere calati."

Troppo... Forte questa squadra in questo momento della stagione per il Trissino? Che cosa ha fatto la differenza?

"All'andata il Forte dei Marmi era senza De Oro infortunato, ieri i primi due gol sono stati suoi. Comunque ora il Trissino ha una panchina un po' più corta e con questi avversari ogni nostro calo di prestazione non passa inosservato."

Nel prossimo turno giocherete in trasferta il derby col Breganze. Che incontro c'è da aspettarsi? Che partita sarà?

"Ogni derby ha una storia a sé, vedi il pareggio conquistato a Valdagno allo scadere. In questo momento Breganze ha subìto uno scossone in direzione tecnica e i risultati stanno arrivando. Trissino non ama particolarmente il parquet di Breganze che ci è stato spesso ostico. Valverde comunque ha dimostrato che le risorse, anche fra i giovani del vivaio, sono molto valide. Non andremo a Breganze per sopravvivere..."

Quale deve rimanere l'obiettivo del Trissino per questa stagione?

"La parte alta della griglia playoff risulta ormai difficile da raggiungere, abbiamo lasciato troppi punti quando si doveva invece fare bottino pieno. La società non si ferma, neppure per il prossimo campionato dove l'asticella salirà indiscutibilmente. Per quest'anno ai playoff daremo fastidio a molti, l'obiettivo è portare divertimento in pista e risultati anche nella fase finale."

Ultima cosa. Che invito mandare alla gente per seguire la squadra ed esserle vicina a Breganze?

"Breganze è a 25 minuti di distanza da Trissino ed il tifo degli avversari del Trissino è molto caloroso. Gli ultrà di entrambe le squadre si sono sempre rispettati, è fondamentale che il supporto ai trissinesi sia forte e continuo. In passato alcune decisioni arbitrali hanno offuscato dei bellissimi incontri fra Breganze e Trissino, il supporto a Bertinato & Co. deve essere vissuto ed urlato da tutti."

GS Hockey Trissino

Leggi tutti gli articoli su: Hockey Trissino, Leonardo Galiotto
Commenti

comments powered by Disqus
Gli altri siti del nostro network