Quotidiano | Categorie: Calcio

Vicenza-Cosenza 5-3 dopo supplementari e rigori: pagelle e interviste

Di Alberto Belloni Domenica 9 Agosto 2015 alle 23:49 | commenti

ArticleImage

Davanti a forse 1200 spettatori e con un caldo africano, il Vicenza affronta il turno di Coppa Italia contro il Cosenza dell'ex Roselli. Marino (indisponibili Cocco e Pettinari) sceglie di giocare senza prima punta, lasciando in panca Raicevic e schierando due trequartisti come Vita e Giacomelli. I tifosi vedono confermata l'impressione che il Lane targato 2015/2016, orfano di Di Gennaro e Moretti, sarà diverso: il gioco, infatti, si sviluppa sulla fasce, prevalentemente quella di sinistra.

Il primo tempo, giocato su ritmi compassati, è un appena po' più biancorosso, grazie soprattutto a due iniziative estemporanee. 

Al 37' Gatto non trova compagni smarcati e cerca la percussione personale che lo porta ai limiti dell'area: tiro secco alla destra du Perina e palla che finisce sull'esterno del legno. Due minuti e il Vicenza va ancora più vicino al vantaggio: Sampirisi combina benissimo con Vita sulla fascia desta e si presenta in prossimità della porta. Il suo tiro secco colpisce prima il palo di sinistra e poi, dopo aver danzato sulla linea viene respinto alla disperata sul quello di destra. Il secondo tempo inizia senza cambi. Il Lane, senza punti di riferimento in avanti, tiene palla in modo sterile e non punge. Verso la mezzora, Marino tenta la carta dei cambi, immettendo Urso e l'attaccante montenegrino. La capacità penetrativa tuttavia non ne beneficia granchè, tanto che nella seconda parte della gara è il Cosenza ad andare più vicino alla marcatura, con un colpo di testa di Arrighini all'81', parato con difficoltà da Marcone. E si va così ai supplementari. Basta appena un giro di lancette e il Cosenza va in vantaggio, con un tiro preciso di Arrighini che si infila all'incrocio alla destra di Marcone. Il Vicenza prova a reagire con tre tentativi (Camisa, Giacomelli e Raicevic) ai quali il Cosenza replica di rimessa ancora con il pericoloso Arrighini. Ci vuole un netto fallo di mano in area di Corsi al 15' del primo supplementare per ottenere un rigore (ed espulsione conseguente del reo, già ammonito in precedenza). Batte Giacomelli ed è pareggio. Si riparte con il secondo overtime e le squadre molto stanche per il caldo opprimente. Ci prova un paio di volte Gagliardini, senza successo e poi Sbrissa che manda abbondantemente sopra al montante. All'8 ci vuole una deviazione disperata per per sporcare un tiro di Giacomelli quasi a colpo sicuro. Vicinissimo al secondo gol anche Gagliardini con un colpo di testa salvato miracolosamente da Perina al 9'. A tempo quasi scaduto ci prova Giacomelli che ha fiato ancora per un coast to coast ma il portiere calabrese si disimpegna bene. Si chiude con un colpo di testa di Sbrissa, per dare il via alla lotteria dei rigori. Dal dischetto il Lane non sbaglia mai (Giacomelli, Urso, Montanari e Vita) mentre per il Cosenza sono fatali gli errori di Arrigoni e di Ciancio.


LE PAGELLINE

Marcone 7,5: una domenica agostana di tutto riposo. Viene chiamato in causa seriamente soltanto dalla zuccata di Arrighini a 9' dalla fine del secondo tempo e nell'occasione si disimpegna bravamente. Para due rigori e si aggiudica così di fatto la partita.

Sampirisi 5,5: fa vedere le sue doti soltanto in occasione della bellissima azione del 39', quando coglie il palo. Per il resto, però, la sua è una prestazione ancora opaca, senza la necessaria cattiveria in fase di inserimento

Brighenti 8: un giocatore che gira subito a mille, evidenziando condizione, carattere e la giusta cattiveria.Dalle sue parti non si passa, né con palla a terra, né con i traversoni. Un gigante.

Mantovani 5,5: non è ancora nelle migliori condizioni fisiche e lo si vede in alcune incertezze, specie nel primo tempo, che non dovrebbero far parte del suo repertorio. Da rivedere.

D'Elia 6,5: sulla sua corsia spinge per 120 minuti senza pause. Appare già piuttosto in palla e deciso a difendere con successo la sua maglia da titolare.

Gagliardini 5,5: il talento c'è e si vede. Tuttavia il Vicenza, orfano di Di Gennaro, avrebbe tanto bisogno che l'ex atalantino accendesse la luce a centrocampo. L'Under 21 non si risparmia, suda la maglia, ma non prende in mano la squadra.

Pazienza 5: la migliore condizione fisico atletica è ancora lontana. Il suo valore è indiscusso ma deve ancora lavorare tanto per brillare in un ruolo difficile come quello del centromediano metodista.

Sbrissa 6: malino nel primo tempo, quando sembra a tratti persino abulico. Cresce nella ripresa e nei supplementari, mostrando più volte il suo talento. Ora serve la continuità.

Vita 6,5: il più convincente del tridente. Ha tanta birra nelle gambe, aggiunge alla squadra velocitò e incisività, anche se in fase realizzativa può fare molto di più.

Gatto 6: va un po' a sprazzi, mostrando quel che ha nella testa e nelle gambe quando gira a regime pieno. Molto bella la sua progressione del 37', in cui sfiora l'impresa personale.

Giacomelli 6: sufficienza di stima per l'impegno che profonde per tutta la gara. Il capitolo cross e tiri in porta non è entusiasmante ma è sulla sua fascia che si sviluppa maggiormente l'azione, nonostante la buona guardia che monta su di lui l'arcigno Ciancio.

Raicevic 5,5: il fisico c'è ma il tocco di palla non è ancora il massimo. Entra e ci mette peso, anche se non impensierisce particolarmente il portiere rossoblu.

Camisa 6: non restano sul taccuino errori particolari nel corso del suo spezzone di partita. Cerca anche il gol, senza fortuna.

Urso 6: non è un fine dicitore di calcio ma il suo ingresso mette birra a centrocampo. Anche per lui il giudizio va rinviato ad una prova successiva.


Marino: “Vittoria sudata ma meritata: abbiamo cercato le fasce esterne, qualcosa potevamo sfruttare meglio per mancanza di lucidità e un po' lenta e anche il campo non ci ha aiutato. I carichi di lavoro sono pesanti e abbiamo quindi molti margini di miglioramento. Sono soddisfatto della capacità di non mollare mai, bisogna miglioare in tutto ma questo è quel che possiamo dare in questo momento. Giocatori come D'Elia e Brighenti entrano subito in condizione mentre altri con fisico diverso, tipo Gagliardini, hanno bisogno di più tempo. In materia di innesti, cercheremo di fare qualcosa ma siamo decisi a prendere solo giocatori che ci servono con il nostro tipo di gioco, altrimenti non serve.”

Mantovani: “Fisicamente devo ancora lavorare un po', perchè sono arrivato solo da 20 giorni ma mi interessa essere pronto per il campionato e ce la farò. La partita è stata complicata perchè le squadre di categorie inferiori sono sempre molto motivate e loro avevano uno schieramento molto prudente. Però siamo stati bravi a mantenere l'intensità anche quando siamo andati sotto. Bisogna però sfruttare meglio le occasioni e oggi ne abbiamo avute tante.”

Marcone: “Sono contento di aver parato i due rigori. Sto studiando se c'è un sistema migliore per neutralizzare i tiri dagli undici metri, ma non c'è una regola. Io vado a vedermi gli avversari nei filmati ma poi è l'istinto che ti guida. Non ho gesti scaramantici. Guardo in faccia l'avversario e cerco di leggere nei suoi occhi. Stavolta è andata benissimo...”

 

VICENZA – COSENZA 5-3 (dopo t.s e rigori)

Reti: Arrighini (C) al 1' TS, Giacomelli su rig. Al 15' 1TS. Rigori: Giacomelli, Urso, Mantovani e Vita (V), Arrighini e Caccetta (C)

Vicenza 4/3/3: Marcone, Sampirisi (Camisa dal 82'), Brighenti, Mantovani, D'Elia, Gagliardini, Pazienza (Urso dal 71' ), Sbrissa, Vita, Gatto (Raicevic dal 71'), Giacomelli. In panchina: Vigorito, Pinato, Magri, Corticchia, Spiridonovic, Modic, Cecconello, Gora, Kerezovic. Allen.: Marino

Cosenza 4/4/2: Perina, Ciancio, Tedeschi, Blondett, Pinna, Corsi, Caccetta, Arrigoni, Criaco (Fiordilino dal 65'), Vutov (Arrighini dal 65'), La Mantia (Raimondi dal 79'). In panchina: Saracco, Soprano, Di Somma, Novello, Guerriera, Ventre. Allen.: Roselli

Arbitro: Ros di Pordenone. Collaboratori: Alessio e Baccini. Quarto uomo: Rossi.

Calci d'angolo 11-0 per il Vicenza.

Leggi tutti gli articoli su: Vicenza Calcio, Coppa Italia, Vicenza-Cosenza
Commenti

comments powered by Disqus
Gli altri siti del nostro network